Home | Bambini | In cucina con i bambini | Pepite di pesce di Zio Paperone

Pepite di pesce di Zio Paperone

Come rendere appetibile il pesce per quei bambini che proprio non lo gradiscono?

Di solito basta un abile camuffamento e la scelta di una carne senza lische per rendere il pesce  gradito ai bambini. E se a questo aggiungiamo il racconto della storia di  Zio Paperone, così ricco da potersi permettere di fare il bagno in una montagna di pepite e monete, vedrete che il piatto sarà un successo.

Le pepite di pesce possono essere gustate anche dai bambini più piccoli e mangiate con le mani, come un vero finger food!

 

Ingredienti
100 gr di pesce senza lische (nasello o halibut o persico, ecc.)

1 uovo – pane grattato quanto basta – olio – un pizzico di sale

 

Prendete il pesce e spezzettatelo in pezzi grossolani.

In un piatto sbattete l’uovo aggiungendo un pizzico di sale. Passate i pezzi del pesce nell’uovo e poi nel pane grattato.

In una padella antiaderente mettete l’olio e friggete le pepite alla doratura.

Consiglio per la presentazione del piatto: proponete le pepite in coni di carta accompagnati da  patatine e carote croccanti  :).

Guarda anche

Cibò. so good! A Bologna il 3-4-5 febbraio a Palazzo Re Enzo

Tutte le eccellenze dell’Emilia-Romagna per la prima volta tutte insieme È tornato, ancora più emozionante, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 4 =