Home | Filastrocche | Cantafola d’amore

Cantafola d’amore

E cal vèc in cal canton
cal stiseva cal brucoun
con un òc al guarda al trav
qual salam al mà da dar
e cla zovna da chi ris
ma cla faga inans chi stis
e cla volta cla fritura
sla vol far bela figura.
A nin porta senz parcer
Clè tutt temp strasinè
ma tutt quel ca’ s purtarì
al magnarem anch coì dì
e me scusa la razdora
sl’è na trista cantafola
che la dura par un an
par l’amor d’un salam

E il vecchio nell’angolo
che ravviva il “brocco” di legna
con un occhio guarda il trave
quale salame mi deve dare
e la giovane dai ricci
che faccia avanti gli stecchi
e che giri la frittata
Se vuol fare bella figura
“Nin”* porta senza apparecchiare *ragazzo
è tutto tempo sprecato
ma tutto quello che porterete
lo mangeremo anche con le dita
mi scusi la razdora
se è una triste cantafola
che dura per un anno
per l’amore di un salame.

La triste cantafola d’amore per un salame, ricordata da Gabriella Vaccari e mal trascritta e tradotta da Filippo Sala.

Guarda anche

La crostata del ghiottone!

Di solito non si fa a fatica ad “avviare” i bambini a crostate e dolci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × quattro =